Monthly Archives: gennaio 2017

Roaming addio da metà giugno, cade l’ultimo ostacolo nell’Ue

Category : Tecnologia

L’abolizione del roaming per i consumatori europei a partire da metà giugno è assicurata: le tre istituzioni europee, Parlamento, Consiglio e Commissione hanno raggiunto, nella notte, un accordo sui prezzi all’ingrosso che gli operatori si applicano tra di loro per offrire i servizi di roaming. Era l’ultimo tassello mancante per consentire allo stop dei costi aggiuntivi quando si va all’estero di entrare in vigore, come precedentemente deciso, a metà giugno.

Le tariffe all’ingrosso saranno il 90% più basse delle attuali, spiega il Consiglio, consentendo agli operatori di offrire il roaming ai loro clienti senza aumentare i costi delle telefonate nazionali. Allo stesso tempo però devono essere abbastanza elevate in modo che gli operatori dei Paesi visitati possano recuperare i loro costi senza aumentare i prezzi al dettaglio. Inoltre, il tetto deve consentire di proseguire con gestione e l’ammodernamento delle reti in modo che i cittadini europei possano avere connessioni stabili dappertutto in Europa.

In base all’accordo, il 15 giugno 2017 il tetto dei prezzi all’ingrosso per i dati scenderà dall’attuale 50 euro a Gigabyte a 7,7/GB, e poi proseguirà a scendere in diverse fasi: dal 1 gennaio 2018 il tetto sarà 6 euro a Giga, dal 1 gennaio 2019 4,5/GB, dal 1 gennaio 2020 3,5/GB, dal 1 gennaio 2021 3/GB e dal 1 gennaio 2022 2,5/GB. E’ un tetto significativamente più basso di quello inizialmente proposto dalla Commissione (8,5/GB), e consentirà comunque alle aziende di investire nelle reti di nuova generazione (5G), scrive il Consiglio. “Era l’ultimo pezzo del puzzle. Dal 15 giugno, gli europei potranno viaggiare nella Ue senza tariffe roaming e gli operatori potranno continuare a competere per fornire le offerte più attraenti per i loro mercati nazionali”, ha detto il commissario al digitale, Andrus Ansip.


Smartphone, 1,5 mld consegnati nel 2016

Category : Tecnologia

(ANSA) – ROMA, 1 FEB – Consegne globali da record nel 2016per gli smartphone, con Apple che scalza Samsung e torna al topnell’ultimo trimestre. Secondo i dati diffusi da StrategyAnalytics l’anno scorso sono stati consegnati nel mondo unmiliardo e mezzo di smartphone, in aumento del 3% rispetto al2015. Nell’ultimo trimestre, quello spinto dalle venditenatalizie, Apple è tornata ‘regina’ con quasi il 18% delmercato, appena davanti a Samsung. La vera star però è un’altrae arriva dalla Cina: il produttore OPPO in un anno haraddoppiato le consegne e sul mercato asiatico sfida anche ilcolosso Huawei.

Nel quarto trimestre del 2016, rileva la società di ricerca,le consegne mondiali di smartphone sono aumentate del 9%rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, arrivando asfiorare 440 milioni di unità. Segno, dicono gli analisti, di unrecupero del mercato soprattutto grazie a una domanda più forteda Cina e Africa. Nel trimestre in questione Apple è cresciutadel 5%, anche approfittando della battuta d’arresto della rivaleSamsung a causa del richiamo dei Galaxy Note 7. Quantoall’intero 2016 l’azienda sudcoreana resta prima per quota dimercato, ma è scesa al 21%: la percentuale più bassa dal 2011,secondo Strategy.

Huawei resta al terzo posto tra i produttori nella classificarelativa all’ultimo trimestre 2016, col 10% del mercato globale.

In Cina però ha di fronte concorrenti che stanno crescendomolto. Come OPPO che nel quarto trimestre ha guadagnato laquarta posizione grazie a una crescita del 99%. (ANSA).


Pac-man chi? Gioco superato secondo i millenials

Category : Tecnologia

E’ morto il ‘padre’ di Pac-Man, uno dei primi videogiochi più popolari al mondo.

Il videogioco anni ’80 è considerato superato dai millenials

Masaya Nakamura, 91 anni, era il fondatore della compagnia giapponese Namco, che nel 1980 lanciò Pac-Man, ideato dall’autore di videogiochi Tohru Iwatani, che diede vita alla piccola sfera gialla mangiatrice di puntini e di frutta in fuga dai fantasmi. Nakamura stesso scelse la parola ‘Pac’ per rappresentare lo ‘sgranocchiare’ di Pac-Man della sue prede. La sfera gialla uscì sul mercato in un momento in cui c’erano pochi videogiochi concorrenti, a partire da Space Invaders, ma si stima che sia stato giocato più di dieci miliardi di volte, diventando un’icona della cultura popolare.

Pac-Man, la voracissima sfera gialla icona dei videogiochi Arcade, nel maggio 2015 ha festeggiato i 35 anni. Un compleanno che Sony Pictures ha celebrato con eventi in tutto il mondo, da Tokyo a Chicago, da New York a Parigi.

Pac-man fa 35 anni, gli eventi nel mondo


Netflix,si cambia programma con la mente

Category : Tecnologia

In futuro Netflix potrebbe semplificare la vita agli iper-pigri e ai disordinati – cioè a chi non vuol fare la fatica di impugnare il telecomando e a chi il telecomando lo perde di continuo – grazie a un gadget che consente di cambiare programma con la mente. L’idea è venuta ad alcuni membri del team di sviluppo prodotto della compagnia, chiamati a liberare la loro creatività in occasione dell’Hack Day, un’iniziativa con cui Netflix sprona a rilassarsi e a sperimentare cose divertenti.

L’idea si chiama MindFlix e usa un Muse, una sorta di cerchietto da indossare sulla fronte che ‘legge’ le onde cerebrali. In un video, gli inventori lo mostrano in funzione: si può navigare nel menu di Netflix muovendo la testa e, una volta trovato il programma da guardare, basta pensare il titolo per avviare la riproduzione.

È difficile sapere se il Mindflix funzioni altrettanto bene nella vita reale, dove peraltro il dispositivo potrebbe non arrivare mai. Come spiega la stessa Netflix sul suo blog, “anche se siamo entusiasti della creatività messa in queste idee, potrebbero non diventare mai parte del prodotto Netflix, dell’infrastruttura interna o essere utilizzate in altro modo al di là dell’Hack Day”.


I Lego diventano social network

Category : Tecnologia

(ANSA) – ROMA, 31 GEN – Le creazioni coi mattoncini Legodiventano “social” e reinventano la comunicazione tragiovanissimi: la compagnia ha lanciato un social network ad hocper i più piccoli, rivolto ai bambini fino a 13 anni. Si chiamaLego Life, riporta il sito CnetNews, ed è un’applicazione cheoltre a incentivare la condivisione “virtuale” dei progetticreati coi Lego – attraverso foto – fa comunicare gli iscrittiattraverso le immagini: emoji in testa.

Dopo un test in Gran Bretagna, l’app debutta anche in Usa,Germania, Francia e Danimarca. Spagna e Italia saranno iprossimi. Il social è pensato per bambini di età 8-12 anni epropone foto, video e giochi relativi al mondo dei mattoncinicolorati. Anche gli iscritti potranno condividere le foto delleloro creazioni. Lo spazio virtuale sarà monitorato da moderatoriumani, precisa la compagnia, per assicurarsi che non vengacaricato contenuto non sicuro. E poi sarà impiegata anchel’intelligenza artificiale: il software ad esempio impedirà aibimbi di condividere selfie. Chi ha meno di 13 anni deveiscriversi tramite la mail di un genitore e il nome utente vieneassegnato in modo casuale per non condividere le informazionipersonali. Su Lego Life ogni comunicazione testuale inoltre parebandita: le foto potranno essere commentate ma gli utentipotranno comunicare tra loro solo attraverso emoji eadesivi.(ANSA).


Cyberbullismo, in Italia +8% casi nel 2016

Category : Tecnologia

Nel 2016 in Italia i casi di cyberbullismo sono aumentati dell’8%, mentre per quanto riguarda il fenomeno del sexting, cioè la condivisione attraverso strumenti multimediali di immagini o video a contenuto sessuale, i dati mostrano che un adolescente su 4 lo ha praticato, la prima volta in un’età compresa tra gli 11 e i 12 anni.

Sono alcuni dei dati illustrati nel corso del seminario promosso da Regione Lombardia ‘Parlare di sexting a scuola – Un fenomeno da monitorare’, in collaborazione con Ufficio scolastico regionale, Pepita Onlus e Casa Pediatrica Fatebenefratelli-Sacco, che hanno diffuso i dati. “I dati ci dicono che su questi fenomeni la situazione non sta migliorando – ha spiegato Luca Bernardo, direttore della Casa pediatrica Fatebenefratelli Sacco di Milano che nel 2016 ha curato 1.200 pazienti di cui l’80% sul disagio adolescenziale collegato a internet, e di questi il 35% dovuto al cyberbullismo -. Serve prevenzione, informare e formare famiglie, scuole che possono essere gli indicatori spia”.

Al seminario ha portato la sua testimonianza anche Paolo Picchio, padre di Carolina che a 14 anni si è uccisa per la vergogna di un suo video a sfondo sessuale diffuso in rete. “Ai ragazzi vittime di cyberbullismo dico parlatene con qualcuno, non isolatevi e recuperate la vostra autostima – ha detto -. Serve informazione per riconoscere il fenomeno perché le vittime sono colpite nella mente e non nel corpo e spesso famiglia e scuola non se ne accorgono”.

Secondo i dati relativi al 2016 dell’ Osservatorio nazionale adolescenza (diffusi da Pepita Onlus), su un campione di oltre 7.000 adolescenti provenienti dalle diverse regioni d’Italia, il 4% dichiara di aver fatto sesso inviando foto e video su WhatsApp, sui social network oppure telefonicamente, il 6,5% ha fatto sexting e il 2% invece ha fatto sesso davanti ad una webcam. Il 10% degli adolescenti ha fatto selfie intimi o senza vestiti.

“La legge sul cyberbullismo che verrà approvata dal Senato – ha spiegato Bernardo – dovrà avere grandi finanziamenti perché sono importanti le cure di prossimità, serve un centro in ogni regione. Serve formazione per insegnanti e genitori”.


WhatsApp fa cancellare messaggi inviati

Category : Tecnologia

(ANSA) – ROMA, 31 GEN – WhatsApp viene incontro aimessaggiatori pentiti, quelli che dopo l’invio hanno unripensamento e vorrebbero non aver scritto certe cose, o piùsemplicemente hanno sbagliato destinatario. Nella versione beta,cioè non definitiva, della chat, è infatti presente la funzioneche consente il richiamo del messaggio: se il destinatario nonl’ha ancora letto, il mittente può cancellarlo, annullandonel’invio. In alternativa è possibile anche modificare il testodel messaggio.

Il richiamo dei messaggi, già presente su chat come Telegrame Bbm di BlackBerry, dovrebbe essere messo a disposizione degliutenti prossimamente. Oltre a questa novità Whatsapp dovrebbeintrodurre anche il ‘tracking’ degli amici: per facilitare gliappuntamenti ed eventi di gruppi di persone, gli utenti potrannoscegliere di mostrare la loro posizione in tempo reale. Lafunzione, che sembrerebbe un invito a nozze per stalker epedinatori, in realtà dovrà essere attivata dall’utente e per unperiodo limitato di tempo: 1, 2 o 5 minuti.(ANSA).


E’ morto Masaya Makamura, padre del videogioco ‘Pac-Man’

Category : Tecnologia

E’ morto il ‘padre’ di Pac-Man, uno dei primi videogiochi più popolari al mondo.

Masaya Nakamura, fondatore della compagnia giapponese Nemco, che realizzò il videogioco nel 1980, è scomparso la settimana scorsa all’età di 91 anni, ma la notizia è stata resa nota oggi, come si apprende dai media internazionali. Nakamura stesso scelse la parola ‘Pac’ per rappresentare lo ‘sgranocchiare’ di Pac-Man della sue prede.

Pac-man fa 35 anni, gli eventi nel mondo

Pac-Man uscì sul mercato in un momento in cui c’erano pochi videogiochi concorrenti, a partire da Space Invaders, ma si stima che sia stato giocato più di dieci miliardi di volte, diventando un’icona della cultura popolare.


Giappone, smartphone si lava col sapone

Category : Tecnologia

(ANSA) – ROMA, 30 GEN – È noto che gli smartphone sono una”calamita” per impronte, macchie, polvere e residui di altrotipo, ma chi vuole mantenere pulito il proprio dispositivopotrebbe avere la soluzione a portata di mano, per lo meno inGiappone. La compagnia Kyocera ha lanciato un nuovo smartphoneche si può lavare con acqua calda, direttamente sotto ilrubinetto, e con qualsiasi tipo di sapone, anche ilbagnoschiuma.

Il dispositivo si chiama “Rafre” ed è un aggiornamentorispetto a un modello precedente che pure si poteva pulire conacqua calda ma solo con determinati tipi di detergente per lemani. Il Rafre va oltre, spiega la compagnia in una nota,essendo lavabile anche col sapone normale che fa la schiuma. Trale sue applicazioni inoltre c’è un’app di cucina che permette dinavigare tra le ricette, impostare timer e rispondere allechiamate con i gesti, senza alcun tocco. Una funzione pensataper chi usa il telefono anche in cucina e non vuole sporcarlomentre ha le “mani in pasta”. Altra particolarità dellosmartphone è il suo schermo “touch”, che promette di funzionareanche se si hanno le dita umide o se si indossano guanti. Il telefono sarà disponibile da marzo, solo in Giappone eattraverso l’operatore KDDI, in tre colori, rosa pallido, biancoe celeste.

(ANSA).


Nuove emoji per Capodanno cinese

Category : Tecnologia

(ANSA) – ROMA, 30 GEN – La “torta lunare” (“mooncake”), labusta rossa dei regali e il petardo che festeggia l’ingresso nelnuovo anno per la Cina: sono le tre nuove emoji che sarannovalutate dal Consorzio Unicode, l’organismo che si occupa dellacodifica dei caratteri usati nei testi in modo che venganovisualizzati nello stesso modo su ogni programma e piattaforma.

I tre simboli legati alla cultura cinese sono ufficialmentetra le emoji candidate per il futuro aggiornamento che saràrilasciato da Unicode. Se accettate, queste immagini entrerannonelle tastiere virtuali di smartphone e computer a metà del2018.

Nello specifico si tratta dell’icona della torta lunare, ildolce che viene tradizionalmente consumato durante la Festa dimetà autunno che è una delle festività più importanti per laCina. Candidata anche l’emoji di una busta rossa, che è quellache si usa per scambiarsi regali in denaro ed è simbolo diprosperità e buona fortuna (viene regalata anche in occasione dicompleanni, matrimoni e altre ricorrenze). E infine c’è l’emojidel petardo rosso che pure viene impiegato nelle celebrazioni.

Questa candidatura conferma l’attenzione del consorzioUnicode nei confronti della Cina. Nell’aggiornamento atteso pergiugno di quest’anno già entreranno diverse emoji legate allacultura cinese: dai biscotti della fortuna ai “dumpling”, iravioli cinesi.(ANSA).


WP to LinkedIn Auto Publish Powered By : XYZScripts.com