Monthly Archives: gennaio 2017

Trump: da Google 4 mln dlr per immigrati

Category : Tecnologia

– ROMA – Dalle compagnie della Silicon Valley una levata di scudi non solo “a parole” contro l’ordine esecutivo di Donald Trump sull’immigrazione, ma anche denaro. A partire da Google che, secondo quanto riportato da Usa Today, ha stanziato un fondo da 4 milioni di dollari per gli immigrati e i rifugiati colpiti dalla misura del neo presidente. Si tratta, spiega la testata americana, di 2 milioni stanziati dalla società e altrettanti donati dagli impiegati. Il denaro andrà a quattro organizzazioni: l’American Civil Liberties Union (Aclu), l’Immigrant Legal Resource Center, l’International Rescue Committee e l’UNHCR.

Si tratta della maggiore campagna legata a una crisi di Google. Inizialmente trapelata da un memo inviato dal ceo di Google Sundar Pichai, la notizia è stata poi confermata a Usa Today da un portavoce della compagnia. In aggiunta, i top manager di Big G stanno effettuando donazioni individuali.

Contributi simili arrivano anche da altre compagnie della Silicon Valley. Uber sta creando un fondo di difesa legale da 3 milioni di dollari per aiutare i suoi autisti con le questioni legate all’immigrazione. E la ‘rivale’ Lyft ha annunciato ai suoi iscritti che donerà un milione di dollari all’Aclu per i prossimi 4 anni. L’associazione no profit, riporta il sito Slate, ha già raccolto una cifra record di oltre 24 milioni di dollari in donazioni durante il weekend: 6 volte di quello che raccoglie in un anno.


In Usa il 44% chiede chat inviolabili

Category : Tecnologia

(ANSA) – ROMA, 29 GEN – Gli americani divisisull’eventualità che il governo possa accedere a messaggiprivati criptati in caso di indagini. È quanto emerge dalrapporto sulla Cybersicurezza del Pew Research Center, secondoil quale il 46% permetterebbe l’accesso alle autorità, mentre il44% è a favore di applicazioni e chat criptate inviolabili ancheper le forze dell’ordine.

Democratici e giovani adulti tra coloro che più propendonoper la crittografia forte. Il tema è diventato centralesoprattutto dopo il braccio di ferro di un anno fa tra Apple edFbi sull’iPhone del killer di San Bernardino e c’è dascommettere che la presidenza Trump non lo lascerà neldimenticatoio.

L’indagine – condotta negli Usa nella primavera del 2016 suun campione di 1.040 adulti dai 18 anni in su – evidenzia ancheun certo grado di sfiducia degli americani nei confronti delleistituzioni in fatto di protezione dei dati personali. Quasi lametà teme che le proprie informazioni siano meno al sicuro di 5anni fa. I cittadini non si fidano “per nulla” di due soggetti:il governo federale (28%) e le piattaforme “social” (24% degliutenti). Tuttavia sono gli stessi utenti che ignorano regolebasilari per difendersi dai criminali informatici. Il 41%condivide le password con un amico o un familiare, il 39% usa lastessa password per più account. E dall’esperienza non siimpara: il 64% ha subito in prima persona un furto didati.(ANSA).


Dopo vinili, nuova vita per musicassette

Category : Tecnologia

Dopo vinili e juke box, c’è una seconda vita anche per le musicassette, in auge negli anni Ottanta con il walkman. Secondo un Rapporto di Nielsen Music le vendite sono cresciute del 74% negli Usa nel 2016, pari a 129mila copie vendute. Nel 2015 erano state 74mila. La crescita è poco significativa rispetto all’exploit dei vinili ma considerato che si tratta di un formato praticamente morto è un risultato non da poco. A spingere la vendita di musicassette, secondo Nielsen, sarebbe stata l’uscita di speciali riedizioni di alcuni dischi storici come Purple Rain di Prince e Slim Shady di Eminem. Ma la crescita sarebbe dovuta anche a versioni speciali di dischi nuovi. Le nuove cassette, in pratica, sono dotate di un codice per il download digitale dell’album, per quei consumatori che non possiedono un lettore di cassette. L’audiocassetta fu inventata da Philips nel 1963, il momento di massima diffusione fu negli anni Ottanta col walkman, già negli anni Novanta il consumo iniziò a crollare con l’avvento dei cd e poi di altri formati digitali. La fase di revival analogico interessa anche i juke-box.

All’ultima fiera dell’elettronica, il Ces di Las Vegas, è rispuntato dopo un quarto di secolo anche il juke-box per i vinili. Il prodotto è in linea con la rinascita del mercato del vinile, le cui vendite nel 2016 sono salite del 26% negli Usa e di oltre il 50% nel Regno Unito.


Selfly, la cover-drone per selfie aerei

Category : Tecnologia

Se prezzo elevato e difficoltà d’uso possono essere due ostacoli all’adozione dei droni, sul mercato sta per arrivare un prodotto che li spazza via entrambi: si chiama Selfly ed è una cover per smartphone che all’occorrenza spicca il volo per scattare un selfie. A idearla un ex ortodontista israeliano, Hagay Klein, che ha avviato una raccolta fonti sulla piattaforma di crowdfunding Kickstarter.

L’obiettivo è arrivare a 125mila dollari.

Spessa solo 9 millimetri, la cover-drone è pensata per diversi smartphone, dall’iPhone 6 e 7 anche in versione Plus, al Galaxy S6 e S7 sia normale che Edge, fino al Nexus 6. Il prezzo è di 100 dollari su Kickstarter e salirà a 140 dollari una volta che il prodotto riuscirà ad arrivare sugli scaffali dei negozi.

Un gadget simile, l’AirSelfie, si è presentato su Kickstarter nel novembre scorso a 179 dollari.

Oltre che sul prezzo non astronomico, iSelfly punta anche sulla facilità d’utilizzo. Il dispositivo monta una fotocamera da 8 megapixel che può girare video a 1.080 pixel e 30 frame al secondo. Una volta lasciato in aria, il drone aspetta i comandi, da impartire attraverso una app sullo smartphone a cui il drone, in seguito, in via foto e video catturati dal cielo.


Il Samsung Galaxy S8 dovrebbe arrivare il 29 marzo

Category : Tecnologia

ROMA – Il Galaxy S8, il prossimo smartphone top di gamma targato Samsung, sarà lanciato il 29 marzo. L’indiscrezione arriva da Venture Beat grazie a Evan Blass, ormai noto per i ‘rumors’, che fornisce anche una foto del dispositivo.

Lo smartphone sudcoreano, come svelato in settimana anche dal Guardian, per la prima volta non avrà i classici tasti di navigazione, liberando spazio per il display. Il device arriverà in due dimensioni, da 5,8 e 6,2 pollici, con lo schermo a occupare l’83% della superficie del pannello frontale. Entrambi i modelli dovrebbero integrare un display Edge, cioè curvato su entrambi i lati.

Il Galaxy S8 è atteso con Ram da 4GB, memoria interna a partire da 64GB, batteria da 3.000 e 3.500 mAh e un 20% in più di efficienza energetica. La ricarica avverrà attraverso una porta Usb-C, con ingresso collocato accanto al jack delle cuffie a cui Samsung, a differenza di Apple, non ha rinunciato. Come l’iPhone, invece, il Galaxy avrà il ‘force touch’, con la parte inferiore dello schermo in grado di distinguere i diversi livelli di pressione esercitata dalle dita.

Sparito il tasto ‘home’, il lettore delle impronte digitali troverà posto di fianco alla fotocamera posteriore, che sarà da 12 megapixel e forse integrerà una funzione di ricerca visiva.

Tra le altre novità spicca infine il Samsung DeX: la possibilità di collegare lo smartphone a un monitor con tastiera e mouse, in modo simile a Continuum di Microsoft.


Apple Academy, altri 100 studenti al campus Federico II

Category : Tecnologia

NAPOLI – La iOS Developer Academy nel campus dell’Università Federico II di Napoli ha accolto questa settimana altri cento studenti, che si aggiungono ai cento della prima classe di giovani imprenditori e sviluppatori che hanno già iniziato il programma ad ottobre. L’Academy è stata creata per dare agli studenti le competenze e la formazione pratica sullo sviluppo di applicazioni iOS.

I nuovi studenti provenienti da tutta Italia si uniscono agli altri che arrivano dalla Moldavia, Messico, Turchia e Germania.

Chiara Riccardi, studentessa di ingegneria biomedica, che lavorerà per la prima volta con prodotti Apple, spera di utilizzare le competenze acquisite con il corso per aiutare i bambini con dislessia, e dice: “Non vedo l’ora di allineare il lavoro che farò qui all’Academy con il mio campo di studio, utilizzando la tecnologia per aiutare le persone a migliorare le loro condizioni di salute.’ Il gruppo fa parte dei mille sviluppatori e imprenditori che parteciperanno al programma presso la prima iOS Developer Academy in Europa nel corso dei prossimi tre anni. Altri quattrocento studenti entreranno all’iOS Developer Academy più avanti nel corso dell’anno.

L’investimento di diversi milioni di euro fatto da Apple garantisce che il corso sia gratuito per tutti gli studenti, e offre un programma progettato da esperti tecnici e ingegneri dell’azienda. Apple fornisce inoltre l’hardware e il software per l’Academy, tra cui un iPhone e un Mac per ogni studente. L’Academy è stata inaugurata a ottobre 2016 accogliendo i suoi primi cento studenti. Nel loro secondo trimestre, gli studenti lavoreranno come gruppo per sviluppare app più complesse, capire meglio le start-up, e si concentreranno su aree specifiche, come l’app design.

Oltre all’accademia, Apple ha investito nell’iOS Foundation Program, un nuovo programma nella regione Campania che riunisce altre sei università; queste università offrono ai propri studenti corsi iOS che durano dalle tre alle quattro settimane.


Facebook porta la pubblicità sulla chat Messenger

Category : Tecnologia

(ANSA) – ROMA, 27 GEN – Su Messenger sta per arrivare lapubblicità. Facebook ha infatti reso noto l’avvio di un “testmolto piccolo” in Australia e Thailandia, che consentirà alleimprese di piazzare inserzioni sulla schermata iniziale dellachat. Gli spot compariranno tra i nomi dei contatti preferiti equelli degli amici attivi, nello spazio dove di solito sitrovano i compleanni.

Obiettivo, spiega Facebook, è collegare aziende e persone,una cosa già possibile con le conversazioni che nascono dainserzioni nel News Feed o messaggi sponsorizzati. Ogni meseaziende e utenti si scambiano oltre un miliardo di messaggi viaMessenger. Il social assicura tuttavia che nessun utente vedràcomparire la pubblicità all’interno delle chat con gli amici.

Per Facebook non si tratta dell’unica novità in fase di test.

Come riporta il sito Recode, in Irlanda sta sperimentando unafunzione presa da Snapchat e già portata su Instagram: Stories,cioè il racconto della giornata con foto e video che scompaionodopo 24 ore. Obiettivo di Facebook, ha spiegato un portavoce, è”portare Stories nel resto del mondo nei prossimi mesi”.(ANSA).


Ecco la stalla robotizzata di Vidor

Category : Tecnologia

VIDOR (TREVISO) – La stalla robotizzata di Vidor, gestita dal trevigiano Fabio Curto, in cui le operazioni di mungitura, allattamento dei vitelli, alimentazione e controllo delle malattie sono monitorate da un unico software governabile anche da una app sullo smarthphone, è stata scelta dalla Ue come esempio virtuoso di imprese che meglio utilizzano i fondi europei.

A stabilirlo è stato il Ceja, Consiglio europeo dei giovani agricoltori, che ieri ha ospitato a Bruxelles il titolare.

L’azienda era stata fondata da Sebastiano Curto negli anni Cinquanta, all’interno di un vecchio mulino. Oggi le redini sono in mano ai giovani che hanno voluto con puntare sul futuro innovando in tecnologia e management aziendale fino ad ottenere una sede operativa in cui due robot, dotati di braccio, mungono le vacche e uno distribuisce il fieno agli animali, affiancato da un terzo, fornito di ciuccio, che allatta i vitelli.


Twitter rinnova la sezione ‘Esplora’

Category : Tecnologia

ROMA – Twitter si rinnova ancora e aggiorna la sezione “Esplora”, a partire dall’applicazione per iPhone e iPad e nelle prossime settimane anche per dispositivi Android. Similmente a quella di Instagram, questa schermata raccoglierà in un unico luogo i post di tendenza, i migliori video in diretta, i Momenti e la barra per la ricerca sul microblog.

L’obiettivo è quello di semplificare la vita all’utente e di indurlo a passare più tempo tra i contenuti della piattaforma.

E nel tentativo di rilanciarsi Twitter ora pare cercare proseliti anche sui social del momento. Il microblog ha da poco aperto un account ufficiale su Instagram, di proprietà di Facebook, per promuoversi come piattaforma ideale per seguire le breaking news e le discussioni che contano. Twitter ha anche sfruttato la funzione delle Storie per mostrare agli utenti i tweet sulle nomination per gli Oscar. I link legati agli “episodi” delle Storie rimandano al sito di Twitter.


Facebook porta pubblicità su Messenger

Category : Tecnologia

(ANSA) – ROMA, 27 GEN – Su Messenger sta per arrivare lapubblicità. Facebook ha infatti reso noto l’avvio di un “testmolto piccolo” in Australia e Thailandia, che consentirà alleimprese di piazzare inserzioni sulla schermata iniziale dellachat. Gli spot compariranno tra i nomi dei contatti preferiti equelli degli amici attivi, nello spazio dove di solito sitrovano i compleanni.

Obiettivo, spiega Facebook, è collegare aziende e persone,una cosa già possibile con le conversazioni che nascono dainserzioni nel News Feed o messaggi sponsorizzati. Ogni meseaziende e utenti si scambiano oltre un miliardo di messaggi viaMessenger. Il social assicura tuttavia che nessun utente vedràcomparire la pubblicità all’interno delle chat con gli amici.

Per Facebook non si tratta dell’unica novità in fase di test.

Come riporta il sito Recode, in Irlanda sta sperimentando unafunzione presa da Snapchat e già portata su Instagram: Stories,cioè il racconto della giornata con foto e video che scompaionodopo 24 ore. Obiettivo di Facebook, ha spiegato un portavoce, è”portare Stories nel resto del mondo nei prossimi mesi”.(ANSA).


WP to LinkedIn Auto Publish Powered By : XYZScripts.com