Monthly Archives: luglio 2017

Attivisti contro Fb, fa colonialismo

Category : Tecnologia

(ANSA) – ROMA, 28 LUG – Free Basics, la app di Facebook checonsente l’accesso gratuito ma parziale a internet nei Paesi invia di sviluppo, non risponde ai bisogni delle popolazionilocali e, al contrario, fa “colonialismo digitale”. L’accusaarriva da Global Voices, un gruppo di attivisti che haanalizzato lo strumento in Colombia, Filippine, Ghana, Kenya,Messico e Pakistan.

Disponibile in 63 Paesi, e bandito dall’India l’anno scorsoper violazione della neutralità della rete, Free Basics offreaccesso a Facebook e a un numero limitato di siti e servizi dipubblica utilità.

Stando al rapporto degli attivisti, Free Basicsraccoglierebbe un numero ingente di dati degli utenti, ma senzadar loro ciò di cui hanno bisogno. Tra i punti debolievidenziati, la mancanza della posta elettronica e del supportoalle lingue locali, l’accesso a pochi servizi del territorio e amolti siti statunitensi e inglesi. “Facebook non sta portandol’internet aperto alle persone, sta costruendo questa piccolarete che trasforma gli utenti in consumatori passivi dicontenuti aziendali occidentali”, ha detto Ellery Biddle diGlobal Voices al Guardian. “Questo è colonialismo digitale”.

Gli attivisti evidenziano la violazione del principio dellaneutralità della rete, in base a cui non possono essercirestrizioni arbitrarie sui dispositivi connessi e i servizifruibili dagli utenti.(ANSA).


SpaceX ora vale 21 miliardi di dollari

Category : Tecnologia

(ANSA) – ROMA, 28 LUG – SpaceX, l’azienda aerospazialefondata dall’imprenditore Elon Musk, ha raccolto nuovifinanziamenti per 350 milioni, che ne portano il valore a 21,2miliardi di dollari. La cifra, diffusa da Equidate, fa di SpaceXla quarta compagnia privata statunitense di maggior valore.

L’azienda del miliardario Musk si trova alle spalle dellacompagnia di trasporti Uber (69,8 miliardi), del sito di alloggiAirbnb (31 miliardi) e della società d’analisi Palantir (21,3miliardi), mentre precede l’azienda per il co-working WeWork(20,8 miliardi).

Nel mondo esistono altre due compagnie private sopra i 20miliardi di dollari, ed entrambe si trovano in Cina: Xiaomi,costruttore di smartphone e altri dispositivi elettronici, eDidi Chuxing, rivale asiatica di Uber.(ANSA).


Produzione industriale per erede silicio

Category : Tecnologia

(ANSA) – ROMA, 28 LUG – L’erede del silicio, il grafene, siprepara a fare il grande salto che gli permetterà di entrarenella produzione industriale, con l’aiuto di un progetto europeoguidato dall’Italia, con l’Istituto Nazionale di RicercaMetrologica (Inrim). E’ un passaggio decisivo, che apre lastrada all’elettronica del futuro, con tablet flessibili operfino arrotolabili come pergamene, e che richiede misureaffidabili e standardizzate.

“Transistor, microprocessori e circuiti integrati potrannobeneficiare della mobilità degli elettroni che nel grafene èparticolarmente elevata”, osserva Luca Callegaro, ricercatoredell’Inrim e coordinatore del progetto triennale Grace,finanziato dal programma europeo Empir, il cui obiettivo èprodurre conoscenze sulle proprietà del grafene da utilizzarecome base per elaborare una normativa internazionale.

Le misure permetteranno innanzitutto di confrontare letecniche volte alla produzione industriale finora messe a punto,tutte costose e difficili, per cercare soluzioni piùaccessibili. E’ anche necessario stabilire regole per laproduzione industriale che garantiscano la qualità del prodottofinale.

Partecipano ai lavori, appena avviati, gli istitutimetrologici di Spagna (Cem, Centro Espaol de Metrología) e RegnoUnito (Npl, National Physical Laboratory e Università diManchester) con le aziende spagnole DasNano e Graphenea, latedesca Isc (International Standards Consulting) e gli entinormativi Vde (Verband der Elektrotechnik, Elektronik undInformationstechnik), l’Associazione per le tecnologieelettriche, elettroniche ed informatiche con sede di Germania, eIec (International Electrotechnical Commission).

“Dai nostri esperimenti – rileva Callegaro – deriveranno lelinee guida sulla base delle quali lo Iec potrà redigere lanormativa e allora il grafene, realizzato secondo standardriconosciuti e dotato di proprietà definite e certificate, potràtrovare tutte le applicazioni che le sue molteplici proprietàsuggeriscono”. (ANSA).


Facebook vola in Borsa, crolla Twitter

Category : Tecnologia

Facebook fa il pieno di utili e vola in Borsa, superando la soglia dei 500 miliardi di dollari di valore ed entrando di prepotenza nell’esclusivo club di cui fanno parte Apple, Amazon e Google. Forte dei suoi 2 miliardi di amici, il colosso dei social media spinge la corsa dei tecnologici a Wall Street, dove i titoli tech superano il picco della bolla dotcom. Alle fortune di Facebook si contrappongono le difficoltà di Twitter, che mostra l’altra faccia dei tecnologici: la trimestrale della societa’ che cinguetta delude le attese degli analisti, e i titoli affondano in Borsa arrivando a perdere il 14%.

”Siamo incoraggiati dai progressi fatti” afferma Jack Dorsey, l’amministratore delegato di Twitter. Ma le sue parole non smorzano i timori degli analisti: anche se nel secondo trimestre il rosso e’ calato a 107 milioni di dollari, i ricavi sono scesi per la seconda volta dallo sbarco in Borsa nel 2013, calando del 5% a 574 milioni. Le vendite di pubblicità si sono contratte dell’8% a 489 milioni di dollari, mostrando le difficolta’ della piattaforma a monetizzare la sua rete. A preoccupare e’ pero’ soprattutto la crescita piatta degli utenti, fermi a 328 milioni nonostante la ‘spinta’ Donald Trump, che ha eletto Twitter suo strumento di comunicazione preferito. Facebook con la sua trimestrale racconta invece l’altra faccia della medaglia dei tecnologici, quella della corsa al rialzo in grado di spingere Wall Street, alla quale e’ venuta ormai a mancare la ‘Trump trade’.

La societa’ di Mark Zuckerberg, ormai quinto uomo piu’ ricco al mondo, chiude il secondo trimestre con un utile in aumento del 71% a a 3,9 miliardi di dollari, su ricavi in crescita del 45% a 9,3 miliardi di dollari. Risultati sopra le attese che mettono le ali a Facebook in Borsa: i titoli salgono fino al 6,49% e il social network entra nell’olimpo delle societa’ che valgono piu’ di 500 miliardi di dollari, nel quale e’ all’esordio anche Amazon, insieme ad Apple con i suoi oltre 800 miliardi di dollari di valore, Alphabeth con i suoi 660 miliardi e Microsoft con i suoi 570.


Bezos supera Gates, è il più ricco

Category : Tecnologia

Jeff Bezos supera Bill Gates: e’ l’uomo più ricco al mondo. Il fondatore di Amazon vale 90,6 miliardi di dollari, ovvero 500 milioni in più di patron di Microsoft. Lo storico sorpasso arriva con la volata dei titoli Amazon, saliti del 40% dall’inizio dell’anno approfittando del rally di Wall Street innescato dalla vittoria di Donald Trump. E arriva nonostante gli attacchi proprio del presidente americano: sulla falsariga delle critiche mosse durante la campagna elettorale, Trump anche dalla Casa Bianca non ha mai risparmiato parole dure nei confronti Bezos e Amazon sul fronte della tasse, ma soprattutto per il Washington Post, il quotidiano che fa capo a Bezos e autore di molti scoop sull’amministrazione che al presidente non sono andati giù.

La scalata di Bezos alla vetta dei paperoni del mondo è iniziata da lontano: da un garage di Seattle nel 1994, dove ha fondato la libreria online Amazon con in tasca una laurea in ingegneria a Princeton e dopo una breve parentesi a Wall Street. Da allora Amazon ha ‘conquistato’ il mondo, innescando una vera e propria rivoluzione dello shopping e mandando in pensione i tradizionali grandi magazzini. La prossima sfida è ora la conquista del mercato alimentare: un settore che vale 600 miliardi di dollari ed è caratterizzato da consumatori che ancora preferiscono scegliere di persone la frutta e la verdura.

Una sfida ambiziosa, ma secondo gli analisti a portata di mano per Amazon, che finora ha più volte stupito spingendosi ben al di là delle attese. L’ascesa di Amazon a colosso mondiale è coincisa con quella di Bezos, che ha in portafoglio il 16,9% della società. Bezos ha iniziato il 2017 come quarto uomo più ricco al mondo, poi ha superato prima il patron di Zara Amancio Ortega e poi Warren Buffett. Ora il sorpasso di Gates, che resta comunque in testa alla classifica dei paperoni 2017 di Forbes pubblicata in marzo. Un ribaltone che non sarebbe stato possibile se il fondatore di Microsoft non avesse donato alla filantropia la maggior parte della sua ricchezza: Gates è infatti con Buffett il creatore di ‘Giving Pledge’, l’iniziativa per incoraggiare i miliardari a donare almeno la meta’ della loro fortuna in beneficenza.

Finora Gates ha donato 31,1 miliardi di dollari, una cifra che fa ‘scomparire’ i 100 milioni donati da Bezos a cause filantropiche. Ma anche su questo fronte il patron di Amazon sembra voler recuperare il terreno, avviando con un tweet una raccolta di idee per iniziative di beneficenza.


Apple, in pensione iPod nano e shuffle

Category : Tecnologia

NEW YORK, – Apple manda in pensione l’iPod nano e lo shuffle. Cupertino li ha rimossi dal suo negozio online e i due prodotti, che hanno contribuito a fare la storia dell’iPod, spariranno lentamente anche dagli scaffali dei dei punti vendita reali. ”Semplifichiamo la linea di iPod con due modelli touch a partire da 199 dollari e sospendiamo l’iPod nano e lo shuffle” annuncia Apple in una nota.

La decisione arriva nonostante la recente rinascita dell’iPod nella cultura pop grazie al film ‘Baby Driver’, dove il protagonista ha vari iPod vintage. L’iPod originale e’ arrivato nel 2001, mentre lo shuffle e’ sbarcato sul mercato nel 2005, anno in cui e’ stato introdotto anche il nano per sostituire l’iPod mini.


Huawei, ricavi primo semestre a + 36,2%

Category : Tecnologia

(ANSA) – PECHINO, 27 LUG – Huawei chiude i primi sei mesidel 2017 con ricavi di vendita aumentati del 36,2% su baseannua, a 105,4 miliardi di yuan (circa 15,5 miliardi didollari), mentre le spedizioni di smartphone sono cresciute aquota 73,01 milioni, in rialzo del 20,6%.

“Il nostro consumer business group continua a registrare unacrescita straordinaria superando la media del settore e salendonei mercati di fascia alta in tutto il mondo”, ha commentato inuna nota il numero uno del gruppo cinese, Richard Yu.

Nel primo trimestre 2017, secondo la società di ricerche IDC,Huawei ha conquistato una quota di mercato globale del 9,8%negli smartphone. In Cina la market share è del 22,1%, con lespedizioni di smartphone aumentate del 24% sul 2016.

Huawei è pronta a ingrandire ulteriormente la rete di venditaraggiungendo 56.000 negozi al dettaglio in tutto il mondo entrola fine del 2017, a fronte delle 35.000 unità di maggio 2016.


Apple, 506mln ad ateneo Usa per brevetto

Category : Tecnologia

(ANSA) – ROMA, 27 LUG – Un giudice statunitense hacondannato Apple a pagare 506 milioni di dollari al Warf, l’entedi ricerca dell’università del Wisconsin, per la violazione diun brevetto relativo ai processori presenti su iPhone e iPad. Ladecisione va a raddoppiare i 234 milioni di danni stabilitinell’ottobre 2015 da una giuria federale.

Il giudice distrettuale William M. Conley ha conteggiatodanni aggiuntivi e interessi poiché Apple ha continuato aviolare il brevetto, che è scaduto a fine dicembre. La compagniadi Cupertino, che due anni fa aveva respinto le accuse edefinito il brevetto “non valido”, ricorrerà in appello. Oggetto del contendere è un brevetto, depositato nel 1998dall’ateneo, relativo al miglioramento dell’efficienzaenergetica e delle prestazioni dei processori che si basa sulla”branch prediction”, la predizione delle diramazioni. Taletecnologia sarebbe stata impiegata da Apple nei design deiprocessori A7, A8, e A8X, usati su iPhone 5S, 6 e 6 Plus, nonchésu numerosi modelli di iPad.

Nel 2015 l’università ha depositato una causa separata cheriguarda i più recenti processori A9.(ANSA).


Whatsapp ha 1 miliardo utenti al giorno

Category : Tecnologia

ROMA – WhatsApp continua a crescere. La chat più usata al mondo ha annunciato di aver raggiunto il traguardo di un miliardo di utenti giornalieri, che salgono a 1,3 miliardi su base mensile. Nel febbraio 2016 la compagnia, di proprietà di Facebook, aveva invece reso noto il raggiungimento del miliardo di utenti attivi mensilmente.

Ogni giorno, fa sapere WhatsApp sul suo blog, gli utenti si scambiano 55 miliardi di messaggi. Le foto condivise quotidianamente sono 4,5 miliardi; 1 miliardo i video. Ad utilizzare gli Status, cioè la funzione che consente di condividere foto e video per 24 ore prima che si auto-cancellino, sono 250milioni di persone al giorno. L’applicazione supporta al momento 60 lingue.


Facebook utile +71%, Amazon vale 500mdl

Category : Tecnologia

NEW YORK – Facebook chiude il secondo trimestre sopra le attese confermando il buono stato di salute di Corporate America. L’utile netto del social network guidato da Mark Zuckerberg sale del 71% a 3,9 miliardi di dollari, su ricavi in aumento del 45% a 9,3 miliardi di dollari. Risultati ben oltre le previsioni di Wall Street che mettono le ali al titolo in Borsa, dove Facebook arriva a guadagnare l’1,75%.

Avanza anche Amazon alla vigilia della trimestrale: i titoli archiviano la seduta in progresso dell’1,24%, continuando il trend di rialzo degli ultimi mesi. La corsa che prosegue dalla fine del 2016 ha consentito ad Amazon di superare per la prima volta la soglia dei 500 miliardi di dollari di capitalizzazione, entrando in un ristretto club di aziende che include Apple e Alphabet. Per Jeff Bezos si tratta di un nuovo importante traguardo, raggiunto nonostante i ripetuti attacchi del presidente americano Donald Trump.

In attesa della trimestrale di Amazon, Corporate America ha gia’ mostrato di essere in salute. Da Ford a Boeing, da Google a General Motors i colossi statunitensi hanno presentato conto oltre le attese. Una tendenza confermata da Facebook, che chiude il secondo trimestre con 2,01 miliardi di amici nel mondo e una macchina per la raccolta pubblicitaria che continua a crescere.

La pubblicita’ sui dispositivi mobili ha rappresentato nel secondo trimestre l’87% dei ricavi totali di Facebook, in aumento dell’84% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. A contribuire al balzo del 45% dei ricavi anche Instagram. Facebook e Google si dividono il mercato della pubblicità digitale, anche se di recente la pressione su social network è aumentata con Snapchat, sempre più popolare fra i giovanissimi.

Facebook, così come Google,è anche sotto una crescente pressione per i contenuti pubblicati. Dopo le critiche per le ‘fake news’ circolate sul social network durante la campagna elettorale americana, Facebook ha annunciato una collaborazione con un think tank di Harvard per prevenire cyberattacchi durante le operazioni di voto al fine di ”proteggere gli organi della democrazia”.


WP to LinkedIn Auto Publish Powered By : XYZScripts.com