Monthly Archives: novembre 2017

iPhone X, i dati del volto degli utenti ‘a rischio privacy’

Category : Tecnologia

ROMA – C’è un potenziale allarme privacy per il riconoscimento del volto del nuovo iPhone X di Apple: lo solleva un report del Washington Post secondo il quale le misure di sicurezza garantite dalla compagnia di Cupertino rischiano di non essere sufficienti per gli sviluppatori di applicazioni terze. Questi, scrive il quotidiano, potrebbero usare e conservare sui propri server le informazioni del volto degli utenti raccolte con l’iPhone X per scopi non sempre noti.

Apple afferma tramite portavoce di “considerare molto seriamente la privacy e la sicurezza”, “un impegno che si riflette nelle forti protezioni realizzate per i dati del Face ID”. Cupertino spiega che gli sviluppatori non hanno accesso alla mappa completa del volto fatta dal sistema Face ID: questi dati “non lasciano mai il dispositivo”, “né vengono inviati ad Apple o a terze parti”.

Gli sviluppatori hanno però accesso ad alcuni dati della fotocamera TrueDepth e, secondo gli esperti interpellati dal WP, le scansioni potrebbero rivelare una mole di informazioni come età, sesso, razza ed emozioni degli utenti. “Penso che dovremmo essere abbastanza preoccupati – spiega al Washington Post Jay Stanley, analista di politica senior presso l’American Civil Liberties Union -. Sono piuttosto alte le probabilità che presto vedremo il danno dei dati facciali, se non su Apple su Android”.


Al via la Maker Faire. Calenda, l’obiettivo non è creare Google europea

Category : Tecnologia

ROMA – Prende il via la Maker Faire, la kermesse degli artigiani digitali che fino a domenica porta a Roma la tecnologia a 360 gradi. Una superficie di 100.000 metri quadrati, negli spazi della Fiera di Roma, ospita 400 startup che scommettono sulle loro idee hi-tech, dalla robotica alla salute passando per l’agricoltura e l’alimentazione.

Giunta alla quinta edizione, “Maker Faire – The European Edition 4.0” espone centinaia di soluzioni tecnologiche tra realtà virtuale e aumentata, droni e stampa 3D, musica ed energia sostenibile. Nel complesso sono 750 i progetti presentati dai maker di 40 Paesi, cui si aggiungono le creazioni di 55 scuole e 28 università e istituti di ricerca.

“L’obiettivo è far nascere moltissime innovazioni diffuse che possano conquistare nicchie di mercato importanti”, ha detto il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, annunciando che dal 2018 la Maker Faire sarà sostenuta con un contributo da 1,5 milioni di euro.

“Il futuro è oggi, e questa fiera – ha evidenziato la sindaca di Roma Virginia Raggi – ci consente di capire dove andremo domani”. In questo contesto “le amministrazioni devono mettersi a disposizione di chi ha idee e vuole innovare” sostenendo una creatività che è “giovanissima”.

Giovane è anche il pubblico della fiera, con molte scolaresche a esplorare le novità esposte. “I giovani stanno mostrando molto entusiasmo, si vede che la manifestazione è fatta principalmente per loro”, ha commentato il presidente di Unioncamere Lazio, Lorenzo Tagliavanti.

Calenda, obiettivo non è creare Google europea

‘Servono innovazioni diffuse. A Maker Faire 1,5 milioni euro’


Nel settore tecnologico “l’obiettivo non è tanto dar vita a un colosso, a una Google europea, quanto far nascere moltissime innovazioni diffuse che possano conquistare nicchie di mercato importanti”. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, a margine della conferenza inaugurale della Maker Faire, in corso a Roma. La Maker Faire, fiera degli artigiani digitali che ospita 700 progetti di startup e innovatori, giunta alla quinta edizione, “ha visto triplicare i suoi numeri.

Abbiamo deciso – ha spiegato Calenda – che rientrerà nel Piano strategico sulle fiere per farla diventare internazionale: dal 2018 la sosterremo con un contributo da 1,5 milioni di euro”. L’obiettivo, ha aggiunto il ministro, “non è solo fare più soldi ma avvicinare innovazione alle persone, in modo che la tecnologia non sia più percepita come pericolosa”.


Snapchat cambia, separa gli amici dalle notizie

Category : Tecnologia

ROMA – La parte “social” che torna in primo piano con i messaggi e le storie degli amici separate dalla sezione dedicata ai contenuti di media e creativi: è la chiave del restyling lanciato da Snapchat, l’app nata per l’invio di foto e video usa e getta che ora punta al rilancio dopo l’assalto subito negli ultimi mesi da rivali come Instagram.

Il numero uno della compagnia Snap, Evan Spiegel, sintetizza il senso del cambiamento in un video di 60 secondi su YouTube. “Oggi rendiamo Snapchat più personale”, sottolinea. “Una delle critiche più ricorrenti ai social media è che mettono insieme foto e video dei propri amici insieme a contenuti di editori, creativi e influencer. Ma gli amici non sono ‘contenuti’, sono relazioni”, afferma. Così l’app li separerà dai media in sezioni distinte.

D’ora in poi le chat e le Storie degli amici saranno a sinistra della fotocamera di Snapchat, mentre le Storie di editori, autori e community a destra. Tra le novità la pagina “Amici” dinamica, che mostrerà i contatti in base alle modalità di interazione con gli altri iscritti alla piattaforma: una specie di funzione dei “migliori amici” potenziata. La nuova pagina Discover sarà invece il frutto di un mix di tecnologia e intervento umano: i contenuti saranno approvati da un team di persone in carne e ossa, mentre la loro proposta all’utente sarà personalizzata da un algoritmo.

Sempre più in crisi dopo lo sbarco a Wall Street, Snapchat punta così ad attrarre più utenti e ricavi. Il mese scorso in soccorso dell’app del fantasmino giallo anche i cinesi di Tencent, cui fa capo la piattaforma di messaggi WeChat, saliti al 10% del capitale di Snap.


Smartwatch in crescita, spinti da Apple e Huawei

Category : Tecnologia

ROMA – Cresce il mercato dei dispositivi indossabili grazie principalmente alla spinta degli smartwatch, comparto che tira sempre di più a differenza di quello dei braccialetti fitness meno avanzati: è quanto emerge dai dati della società Idc sulle consegne globali del terzo trimestre 2017. Il mercato è cresciuto complessivamente del 7,3%, con oltre 26 milioni di dispositivi consegnati nel mondo.

La classifica dei produttori è dominata da Xiaomi e Fitbit, primi praticamente ex aequo con una quota di mercato del 13,7% a testa. Le due compagnie però sono in flessione, soprattutto Fitbit (del 33%) nonostante il lancio del suo primo smartwatch.

Buona invece la performance nel trimestre di Apple, al secondo posto col 10,3% del mercato e una crescita annua del 52%, grazie al nuovo Apple Watch 3. A galoppare è Huawei, in terza posizione col 6% di mercato e un boom rispetto all’anno scorso del 156%.

La compagnia cinese, spiegano gli analisti, è cresciuta soprattutto grazie al lancio di nuovi modelli di braccialetti fitness e di auricolari pensati per lo sport in grado di monitorare anche la frequenza cardiaca. Il grosso delle sue consegne è in Cina.


Da Apple 30 milioni dlr per lotta Aids

Category : Tecnologia

(ANSA) – ROMA, 1 DIC – Oltre 30 milioni di dollari per lalotta all’Aids a sostegno del Global Fund, l’equivalente di 144milioni di giorni di farmaci antiretrovirali che impediscono latrasmissione del virus HIV da madre a figlio durante lagravidanza. E’ quanto ha raccolto Apple nell’ultimo anno con lacampagna (RED). Lo annuncia la compagnia nella Giornata mondialecontro l’Aids che si celebra il primo dicembre.

Negli ultimi 11 anni Apple ha donato al Global Fund più di160 milioni di dollari contribuendo “a fornire l’equivalente di475 milioni di giorni di farmaci salvavita”.

In occasione della ricorrenza sono diverse le iniziative disensibilizzazione lanciate da Apple. Dal primo all’8 dicembrel’App Store ospiterà nella sezione “Oggi” storie etestimonianze, mentre oltre 400 negozi della Mela morsicata nelmondo si vestiranno di rosso fino al 7 dicembre. Per unasettimana per qualsiasi transazione Apple Pay la compagnia faràa (RED) una donazione di un dollaro. Durante tutto l’anno Appledonerà al Fondo una parte dei ricavi ottenuti dalla vendita deiprodotti “Red”.(ANSA).


Viaggio Babbo Natale si traccia con app

Category : Tecnologia

(ANSA) – ROMA, 1 DIC – Il Natale si avvicina e come ogni ognianno Google aggiorna l’app ‘Santa Tracker’ per tracciare ilviaggio di Babbo Natale e giocare con folletti dotati di zaini apropulsione, slitte spinte da razzi e caramelle rotanti. Perquest’anno nell’applicazione sono stati inseriti nuovi giochi,un villaggio ridisegnato, aggiornamenti per Android Wear e lapossibilità di seguire il viaggio di Babbo Natale anchesull’Android TV. Dal 24 dicembre, infine, sarà possibile seguirepasso passo il cammino di Babbo Natale che distribuisce doni intutto il mondo, con tanto di renne e animazioni.


WhatsApp ‘down’ in vari Paesi

Category : Tecnologia

(ANSA) – ROMA, 30 NOV – Ancora malfunzionamenti per Whatsapp:intorno alle 20,00 sono comparsi i primi messaggi su Twitter congli hashtag “#Whatsapp” e “#Whatsappdown”, subito diventatitrend, di utenti che segnalavano l’impossibilità di mandaremessaggi. Disservizi sono stati segnalati in Italia e a macchiadi leopardo in altri Paesi del mondo, ma il sistema, almenostando alle segnalazioni di utenti italiani, starebberiprendendo a funzionare. Per la messaggeria usata da 1,3miliardi di persone si tratta dell’ennesimo blackout in pochigiorni. Facebook, che possiede il servizio, non ha commentato ildisservizio.


Google aiuta a risparmiare traffico dati

Category : Tecnologia

ROMA – Google aiuta gli utenti a fare economia con una applicazione che tiene conto del traffico dati generato dalle altre app, e dà modo di ridurlo. La novità si chiama Datally e mostra ai possessori di smartphone dove vanno a finire i giga del loro piani tariffari mensili.

Con l’applicazione si può accedere allo storico dei consumi di ogni app installata sul telefono, insieme ai dati sul consumo in tempo reale, così da poter intervenire in modo tempestivo se il contatore sale troppo. Un pulsante consente di bloccare la connessione a tutte le app che sono in background, lasciando il collegamento solo all’applicazione che si sta usando.

Secondo Google, controllare e gestire il consumo di ogni app permette di risparmiare fino al 30% del traffico dati. Un risparmio ulteriore può arrivare se si approfitta delle reti wi-fi. Per questo l’applicazione segnala le reti nei dintorni dell’utente.


Robot in posa, vince la versione hi-tech di Amleto

Category : Tecnologia

Si ispira ad Amleto e ha per protagonista il robot bambino iCub, nato in Italia, l’immagine vincitrice del concorso fotografico internazionale dedicato ai robot umanoidi, intitolato Best Humanoid Photo. Per la categoria ‘foto più divertente’, ha vinto l’immagine di un altro robot italiano, Sabian, mentre è al volante. Il concorso è stato organizzato dalla conferenza internazionale sulla robotica umanoide ‘Humanoids 2017‘ che è svolta in Gran Bretagna, a Birmingham.

”La decisione è stata dura perché le foto erano tutte eccellenti e si è basata anche sui voti online del pubblico, che ha scelto la foto preferita considerando originalità, creatività, fattore tecnologico o simpatia”, ha scritto Sabine Hauert,dell’università britannica di Bristol, che ha fatto parte della giuria con Erico Guizzo della rivista IEEE Spectrum, e Giorgio Metta, dell’Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) di Genova. Le foto del concorso sono pubblicate sul sito Robohub, la maggiore comunità scientifica internazionale degli esperti di robotica.

Protagonista della foto vincitrice è iCub, il robot costruito dall’Iit, in posa come Amleto nel famoso monologo ”Essere o non essere”, fotografato da Pedro Vicente dal Vislab (Computer and Robot Vision Laboratory) di Lisbona. La foto più divertente è invece quella che ritrae al volante il robot Sabian, sviluppato dall’Istituto di Biorobotica della Scuola Superiore Sant’Anna. Intitolata ”Se solo avessi una macchina che si guida da sola”, la foto è di Marco Moscato.

Premiata anche un’altra foto con il robot italiano iCub: lo ritrae sconfortato e con la testa sul tavolo. Sembra si sia arreso nel tentativo di mettere in ordine una scrivania piena di tazze, bottigliette, rastrelli e spazzole. C’è anche iCub minaccioso in versione Night King, ovvero il capo delle temibili creature umanoidi della serie Game of Thrones, e ancora iCub ‘ubriaco’ e ‘nudo’, con gli ingranaggi in vista.

Tra gli scatti italiani c’è anche la foto del robot che fa pugilato: è Baxter, immortalato dall’università di Genova con i guantoni, nell’atto di sganciare un pugno. Tra le più belle immagini arrivate al concorso ci sono anche quella del robot astronautaValkyrie della Nasa, che potrebbe precedere l’uomo su Marte, e quella di altri due robot pensati per l’esplorazione spaziale, l’astronauta Toro e il rover Lru, dell’Agenzia Spaziale tedesca (Dlr).


Instagram all’assalto di Snapchat

Category : Tecnologia

(ANSA) – ROMA, 30 NOV – Instagram non molla la presa sulsocial rivale Snapchat e sferra un nuovo assalto a colpi dinovità “clonate” dall’app del fantasmino giallo. Nell’ultimoaggiornamento per iPhone e smartphone Android, Instagram haintrodotto la possibilità di modificare le foto ricevute comemessaggio dagli amici per rispedirle al mittente arricchite diadesivi, testi e disegni in un remix social. Opzione simile giàpresente su Snapchat.

L’offensiva prosegue anche con altre funzioni per il momentosolo in fase di test. Tra queste una è particolarmente attesadai fan di Instagram: il “regram”, ovvero la condivisioneistantanea di ciò che si vede nel flusso dei post. Un’opzioneche per ora è possibile salvando i contenuti di altri account eriproponendoli tramite applicazioni terze. Secondo quantoanticipato dal sito The Next Web il pulsante per lacondivisione, stile “retweet”, sarebbe in arrivo. In fase disperimentazione anche altre funzioni: tra queste la ricercadelle immagini animate “Gif” per Storie e post, la possibilitàdi salvare in un archivio personale le proprie Storie, l’opzioneper inviare contenuti a gruppi selezionati di amici, lapossibilità di condividere post e profili tramite altrepiattaforme dell’universo Facebook, tipo WhatsApp.(ANSA).


WP to LinkedIn Auto Publish Powered By : XYZScripts.com