Monthly Archives: novembre 2017

Apple ripara falla in sistema operativo Mac, scuse a utenti

Category : Tecnologia

ROMA – Apple ripara la falla di sicurezza dell’ultimo sistema operativo dei suoi computer, MacOS High Sierra, e si scusa con gli utenti.

“Siamo molto dispiaciuti per questo errore – spiega Cupertino in una nota – e ci scusiamo con tutti gli utenti Mac, sia per il rilascio del sistema con questa vulnerabilità sia per la preoccupazione che ha causato. I nostri clienti meritano di meglio. Stiamo facendo una verifica dei nostri processi di sviluppo per evitare che ciò accada di nuovo”.

Scovata da uno sviluppatore turco, la falla consentiva a chiunque di entrare nei computer della Mela morsicata aggirando ogni tipo di protezione e parola chiave.

“Quando i nostri ingegneri della sicurezza sono venuti a conoscenza del problema martedì pomeriggio – prosegue Apple -, abbiamo immediatamente iniziato a lavorare su un aggiornamento che chiudesse la falla di sicurezza. Questa mattina, a partire dalle 8:00, l’aggiornamento è disponibile per il download e, a partire da più tardi nel corso della giornata, verrà installato automaticamente su tutti i sistemi con l’ultima versione (10.13.1) di macOS High Sierra. La sicurezza è una priorità assoluta per ogni prodotto Apple e purtroppo siamo inciampati in questa versione di macOS”.

La vulnerabilità, aveva spiegato l’informatico Lemi Orhan Ergin in un tweet, permetteva di entrare nei pc Mac inserendo “root” come nome utente e lasciando bianco il campo della password. Così facendo si entrava nel computer con un’utenza di sistema che dava pieno controllo del dispositivo.

Apple, in attesa di riparare la falla, aveva pubblicato istruzioni sulla pagina di supporto aziendale a questo indirizzo web.


Bitcoin batte nuovo record e supera 11mila dollari

Category : Tecnologia

NEW YORK – Il Bitcoin supera per la prima volta 10.000 dollari, toccando prima un nuovo massimo a 10.831,75 dollari. E poi superando gli 11.000 dollari. La criptovaluta e’ in aumento del 13% rispetto a ieri. Ieri la moneta virtuale aveva superato i 10.000 dollari in Corea del Sud.

Il ”bitcoin ha successo solo per il suo potenziale di aggirare le regole e per la mancanza di supervisione: dovrebbe essere vietato. Non ha alcuna funzione sociale”. Lo afferma il premio Nobel all’economia, Joseph Stiglitz in un’intervista a Bloomberg. ”E’ una bolla che regala emozioni forti a molte persone andando su e giù”.

I bitcoin e le criptovalute sono delle “attività, dei contratti, vulnerabili a crisi di sfiducia che possono essere repentine”. Lo afferma il vice dg della Banca d’Italia Fabio Panetta in audizione alla Commissione finanze della Camera secondo cui si tratta di fenomeni difficili da regolamentare, come ha dimostrato l’esperienza della Cina. “Non vorrei essere nei panni di chi dovrà scrivere le norme”. Peraltro non “abbiamo nessuna visibilità sul volume delle transazioni tranne quanto vengono convertite in euro ma queste sono la ‘punta dell’iceberg'”.

Non crede molto, almeno per ora, al Bitcoin Jerome Powell, nominato da Donald Trump alla guida della Fed dopo Janet Yellen.

Nell’audizione alla commissione bancaria del Senato per la sua conferma, ieri Powell ha spiegato come a suo avviso le criptovalute saranno un motivo di preoccupazione nel ”lungo, lungo termine”: per ora l’industria non e’ abbastanza grande da avere un impatto sulla politica della Fed. Una posizione in linea con quella espressa nelle settimane scorse da Mario Draghi, secondo il quale le criptovalute non sono ancora abbastanza mature da richiedere regole. E proprio in assenza di regole il loro valore si impenna.


Google ora sa cucinare il cheeseburger

Category : Tecnologia

ROMA – Google ha imparato a fare il cheeseburger. La compagnia ha preso sul serio le critiche ricevute il mese scorso per via della sua emoji del panino, che mostrava il formaggio nella posizione sbagliata, e nell’aggiornamento del sistema operativo Android ha spostato la fetta di cheddar.

La frivola polemica risale a fine ottobre, quando Thomas Baekdal, editore e fondatore di Baekdal Media, ha pubblicato un tweet evidenziando l’errore: l’emoji del cheeseburger di Google, a differenza di quelle dei rivali come Apple e Facebook, ha il formaggio appena sopra il pane.

All’editore ha risposto il Ceo di Google in persona, Sundar Pichai, impegnandosi con un tweet ironico a risolvere il “problema”. E in effetti la società di Mountain View è intervenuta. Come riportato da Emojipedia, con Android 8.1 il formaggio guadagna una posizione più centrale nell’emoji del cheeseburger, tra la carne e la fetta di pomodoro.


Elon Musk, non sono il creatore dei bitcoin

Category : Tecnologia

NEW YORK – Elon Musk nega di essere il creatore del Bitcoin. ”Non e’ vero” dice in un tweet il miliardario visionario che sta dietro Tesla e Space X. E si spinge anche oltre: ”un amico mi ha dato un Bitcoin alcuni anni fa, ma non so neanche dove sia”.

La precisazione segue le indiscrezioni riportate dal blog Medium, secondo il quale Musk si nasconderebbe dietro lo pseudonimo Satoshi Nakamoto, il creatore del Bitcoin. Dietro lo pseudonimo si susseguono da anni indiscrezioni sulla sua vera identita’ che resta un mistero.

Nel frattempo il Bitcoin supera i 10.000 dollari almeno in Corea del Sud, dove su ben tre piattaforme di scambi la criptovaluta schizza sopra la soglia psicologica considerata un possibile spartiacque per il suo successo. Sui listini americani Coinbase e Gemini, il Bitcoin non ha invece ancora toccato questa soglia. Il traguardo appare pero’ a portata di mano, nonostante gli scettici.

Nell’audizione alla commissione bancaria del Senato per la sua conferma, Jerome Powell, nominato da Donald Trump alla guida della Fed dopo Janet Yellen, spiega come a suo avviso le criptovalute saranno un motivo di preoccupazione nel ”lungo, lungo termine”: per ora l’industria non e’ abbastanza grande da avere un impatto sulla politica della Fed.


Amazon semplifica la realtà virtuale

Category : Tecnologia

ROMA – Amazon punta a rendere la realtà virtuale a portata di tutti gli sviluppatori, grazie a una piattaforma che semplifica la creazione di applicazioni immersive. Sumerian, questo il nome del servizio presentato da Amazon Web Services (Aws), è pensato per realizzare esperienze di realtà virtuale, aumentata e in 3D per dispositivi mobili, visori o browser web.

“I clienti di tutti i settori vedono il potenziale delle tecnologie VR e AR per un’ampia gamma di usi, ma sono scoraggiati dall’investimento in competenze e in strumenti specializzati che sono necessari per iniziare a costruire un’applicazione VR o AR”, spiega Marco Argenti, vicepresidente Technology di Aws. “Con Amazon Sumerian è possibile per qualsiasi sviluppatore creare un’applicazione VR o AR realistica e interattiva, in poche ore”.

La tecnologia alla base di Sumerian proverrebbe, almeno in parte, da una startup svedese chiamata Goo Technologies, andata in bancarotta quest’anno. Rikard Herlitz, tra i fondatori di Goo, ha infatti scritto sul proprio profilo LinkedIn che la tecnologia della startup è stata acquisita da Amazon e reintrodotta con il nome di Sumerian.


Ecco l’arpa 2.0, le corde sono fatte con raggi laser

Category : Tecnologia

ROMA – Un’arpa 2.0, con le corde sostituite da raggi laser, è stata messa a punto da due studentesse toscane, che la porteranno a Roma per l’edizione europea della Maker Faire in programma dall’1 al 3 dicembre.

L’arpa laser in sé non è una novità: lo strumento è stato creato all’inizio degli anni Ottanta da Bernard Szajner e ha da subito accompagnato i concerti del musicista francese Jean-Michel Jarre. Nei laboratori scolastici dell’IIS “Tito Sarrocchi” di Siena ne è stata però creata una versione “maker”, in cui 14 note sono associate a dei fasci laser in modo da riprodurre una scala musicale.

L’arpa laser si suona come quelle meccaniche muovendo nello spazio le mani, e con le dita si va a “pizzicare”, ovvero a interrompere il fascio laser, di colore rosso, associato ad una determinata nota, che termina quando il fascio si ricompone.

A livello pratico, l’arpa è stata realizzata in una struttura in legno che ricorda in dimensioni ridotte quella classica da orchestra. Una scheda Arduino Mega gestisce tutta l’intelligenza dello strumento, riconosce il fascio interrotto, associato ad un dato ingresso, e riproduce la nota musicale corrispondente. Il segnale così generato viene successivamente inviato a una cassa attiva per essere amplificato.


Helios, la sonda che torna a casa da sola

Category : Tecnologia

ROMA – Un pallone sonda ad elio che porta nella stratosfera un payload, cioè un “carico utile” in grado di acquisire dati e immagini, per poi far ritorno a casa. E’ l’ultima evoluzione del progetto Helios, messo a punto dagli studenti dell’IIS “Vittorio Emanuele II” di Napoli e dell’IS “Palmieri-Rampone-Polo” di Benevento.

In mostra all’edizione europea della Maker Faire in programma a Roma dall’1 al 3 dicembre, il pallone sonda serve per portare in quota un payload che contiene una scheda elettronica Arduino per acquisire dati meteorologici, e due telecamere per visualizzare la terra dall’alto. L’idea è del docente Amedeo Lepore, assistito dagli “Stratosferici”: un gruppo di studenti di vari istituti cui si affiancano alcuni maker.

Inizialmente, una volta effettuato il lancio, il payload veniva recuperato nell’area in cui era atterrato grazie al Gps.

In seguito il progetto si è evoluto ed è diventato HeliosRTH, dove le ultime tre lettere stanno per “return to home”. In sostanza si tratta di un aliante che viene portato in quota dal pallone sonda e che naviga verso un punto programmato, raggiunto il quale inizia a scendere nel luogo impostato in partenza, tipicamente lo stesso da cui è partito. In questo modo, spiegano i creatori, si evitano i viaggi di recupero e i relativi costi.


Pokemon Go ha causato 100mila incidenti

Category : Tecnologia

ROMA – Il videogame per smartphone Pokemon Go potrebbe aver causato oltre 100mila incidenti stradali in Usa nell’arco di cinque mesi, dal lancio della app nel luglio 2016 fino al novembre dello stesso anno. A stimarlo sono due professori della Purdue University, secondo cui il popolare gioco di realtà aumentata avrebbe generato fino a 7 miliardi di dollari di danni.

Gli autori hanno preso in esame una contea dell’Indiana, incrociando i dati sugli incidenti stradali con la posizione dei Pokestop, cioè i luoghi di interesse delle città dove è possibile raccogliere ricompense del gioco. In base ai dati, la probabilità che un incidente accadesse nel raggio di 100 km da un Pokestop era del 26,5% più alta.

Gli autori hanno quindi esteso i risultati su scala nazionale, arrivando a calcolare che negli Stati Uniti “l’aumento degli incidenti attribuibile a Pokemon Go è di 145.632, con un aumento associato del numero di feriti pari a 29.370 e di morti pari a 256”. Sempre secondo i docenti, i costi economici correlati sono compresi tra 2 e 7,3 miliardi di dollari.


Cyber Monday verso vendite online record

Category : Tecnologia

ROMA – Dopo gli sconti del Black Friday attese vendite online da record anche per il Cyber Monday, la giornata di offerte dedicata solitamente allo shopping tecnologico. Secondo le previsioni della società Adobe Analytics, negli Stati Uniti sono attese transazioni via internet per 6,6 miliardi di dollari, cifra che rappresenterebbe un incremento del 16,5% rispetto al 2016.

Negli Usa gli acquisti online hanno fatto registrare un primato già durante il Giorno del Ringraziamento e il Black Friday. Le vendite nei 100 maggiori siti americani di vendita al dettaglio hanno raggiunto circa i 7,9 miliardi di dollari nei due giorni, segnando un +18% rispetto allo scorso anno.

In particolare solo nel Black Friday i consumatori americani hanno speso oltre 5 miliardi di dollari, rispetto ai 3,34 miliardi dello scorso anno (+17,7%). Circa il 40% delle vendite online del Black Friday sono state fatte su telefonini e tablet.

Solo nel giorno del Ringraziamento i consumatori hanno speso online 2,87 miliardi di dollari, una cifra record in marcata crescita rispetto agli 1,93 miliardi dello scorso anno.

Nel nostro paese, secondo le stime di Amazon, durante il Black Friday gli italiani hanno comprato prodotti casalinghi e informatica. Nelle prime sette ore di venerdì sono stati ordinati oltre 24.000 prodotti per la casa e oltre 20.000 fra computer e accessori per pc. Il prodotto in assoluto più venduto è un pacco gigante di pastiglie per la lavastoviglie (da 110), un robot aspirapolvere da pavimenti ed un videogioco di calcio per console. Macchinette per fare il caffè e hamburger di scottona sono invece andati per la maggiore nella zona milanese per i clienti Prime Now, attivo per i clienti Prime nell’area di Milano.


Antitrust, tassa Airbnb rischia di danneggiare utenti

Category : Tecnologia

ROMA – La cosiddetta tassa Airbnb, cioè la cedolare secca sugli affitti brevi al 21% introdotta con la manovra bis, “appare potenzialmente idonea ad alterare le dinamiche concorrenziali tra i diversi operatori, con possibili ricadute negative sui consumatori finali dei servizi di locazione breve”. Pur riconoscendo che l’obiettivo della norma è “contrastare il fenomeno dell’evasione”, l’Autorità Antitrust prende posizione sul tema in una segnalazione ai presidenti di Camera e Senato, al ministero dell’Economia e all’Agenzia delle Entrate.

“L’Antitrust ha ampiamente confermato ciò che da mesi denunciamo: la legge attuale è ‘sproporzionata’, lede la concorrenza, discrimina fra soggetti e persino fra le stesse piattaforme, disincentiva le transazioni online a favore del solito contante e, in ultima istanza, danneggia gli utenti”. Lo dice all’ANSA un portavoce di Airbnb. “Abbiamo sempre sostenuto che alla natura discriminatoria andasse sostituto uno spirito incentivante per favorire l’emersione e fare un passo avanti verso digitalizzazione e trasparenza”.

“Bene l’Antitrust”, “il governo tenga la barra dritta”, sono i commenti, rispettivamente di Codacons e Federalberghi.


WP to LinkedIn Auto Publish Powered By : XYZScripts.com